Tre regole d’oro per la remise en forme d’autunno - Blog CardioExpert - Tutte le novità sulla Cardiologia - CardioExpert

Cerca
Centro Specialistico Cardiologico Vascolare --- In sede si esegue Check up Cardiologico, Esami Diasgnostici come Coronarografia, Indagine Emodinamica, Risonanza Magnetica, Ecocolordoppler (TSA), Angiografia con Risonanza, Coronaro TC, Angio TC, Angiografia, ECG ad alta risoluzione, ECG da sforzo, Ecodoppler, Elettrocardiogramma ECG, Ecocardio Color Doppler, Ecocardiogramma e Monitoraggio Arterioso in Torino
Vai ai contenuti

Menu principale:

Tre regole d’oro per la remise en forme d’autunno

Pubblicato da in Salute · 5/10/2011 09:31:00
Tags: GuidalbertoGuidiJuventusFCattivitàfisicatreregoled’oro
Non esagerare con lo sforzo, muoversi per almeno mezz’ora e farlo tre volte alla settimana. Le tre regole d’oro per la ripresa dell’attività fisica sono un toccasana per il cuore e per affrontare la stagione fredda nel migliore dei modi.

Finite le vacanze e con l’arrivo dell’autunno si iniziano a pianificare corsi e attività sportiva. «Fare attività fisica è importante per la propria salute», sottolinea Guidalberto Guidi, cardiologo della clinica Fornaca di Torino e medico fiduciario della Juventus FC. «Si stima che nei paesi evoluti circa il 12% della mortalità totale sia da imputare alla sedentarietà della popolazione ed è fondata convinzione che l’esercizio fisico possa contribuire a mantenere e migliorare lo stato di salute».

Le caratteristiche ideali dell’esercizio fisico dovrebbero essere tre. Come ricorda il medico: «Innanzitutto si dovrebbe lavorare ad una frequenza cardiaca compresa fra il 60 e l’80% di quella massimale; in secondo luogo la durata di ogni seduta di allenamento: 35-40 minuti; non certo ultima, la frequenza settimanale di allenamento dovrebbe essere di 3-4 sedute.

Con questi accorgimenti è possibile avere un miglior controllo dei fattori di rischio quali diabete, colesterolo elevato, obesità , ipertensione e anche osteoporosi». Esagerare non serve. «Programmi più intensi non migliorano il risultato, ma al contrario possono aumentare il rischio di complicanze cardiovascolari. Invece sedute anche più brevi o di modesta intensità possono giovare ai soggetti sedentari», prosegue il cardiologo. «Questo protocollo ottiene non solo un effetto riequilibrante e anti depressivo, ma serve anche a sviluppare e a mantenere l’allenamento cardiorespiratorio».

Cosa scegliere tra le molte attività che vengono proposte da palestre e centri sportivi? «Non esiste una regola -risponde il dottor Guidi-. Le tipologie di esercizio fisico si differenziano essenzialmente tra il training di tipo aerobico di resistenza e quello anaerobico di potenza. Entrambe hanno effetti positivi sul cuore: l’attività aerobica (marcia, ciclismo e sci di fondo, per esempio) determina un aumento di volume delle cavità cardiache; l’attività anaerobica (scatto, lancio o sollevamento pesi) aumenta prevalentemente lo spessore del muscolo cardiaco».

Gli studi scientifici più significativi si sono focalizzati sull’attività aerobica dimostrando l’efficacia ipotensiva (cioè riduzione della pressione arteriosa) dell’esercizio fisico. Spiega il medico: «Sono preferibili le attività aerobiche di resistenza, caratterizzate dalla successione ritmica tra contrazione e rilasciamento delle fibre muscolari: così l’organismo impara a consumare ossigeno in modo ottimale bruciando anche i grassi ai fini energetici, le resistenze periferiche dei vasi arteriosi di piccolo e medio calibro si riducono e la pressione arteriosa è più stabile. Oggi è questa l’attività più consigliata dalle principali linee guida su prevenzione e trattamento dell’ipertensione e raccomandate dall’American College of Sport Medicine».

Perché sia attuato scrupolosamente e risulti efficace, il programma fitness necessita di un supporto strutturato e coordinato. «È opportuno eseguire preventivamente una valutazione medica accurata, prima di affrontare un programma di attività fisica, completando gli accertamenti con una prova di sforzo. Solo così si avrà la certezza di non correre gravi inutili rischi anche affrontando sforzi prolungati e intensi». Lo sport ha anche un grande impatto sociale. Conclude Guidi: «Secondo un recente studio gli 11 milioni di italiani che praticano regolarmente attività fisica fanno risparmiare alla Sanità italiana circa 3,6 miliardi di euro all’anno».

comunicato stampa del 7 settembre 2011
a cura di Eo Ipso srl




30 commenti
Voto medio: 4.0/5
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>

 
Nuvole
lungo Parkinson esercizio acqua Prevenzione ambulanze fumo apparecchiature cardiologo dottor malattie ipertensione Centro cassano Airway notturne problemi cardiopolmonare nicole rischi danni sonno Juventus notiza patologie cardiologia Massoterapia cardioexpert ultima Esami pomodoro LDL massaggio Guidi Angio FC en Medicina TC Aorta Total cardiaci alimentazione Marchionne guidi tumori Venosa di Metabolica Endovascolare prenotazione Sostituzione tromboembolia malattia Olio stress DIAD Diagnostico Malattie vivere Aneurisma Cardiologia Coronaro Chirurgia Terapia antiipertensivi sana cantante Check cardiovascolari alcool cosa libro notizia dieta attività Visite gusto Addominale Mediterranea Trapianto Fisiopatologiche Filippide soccorso Elettrocardiogramma Davide la regala vegetariano neonata fianchi Regredire Pino medico Sindrome Cardiovascolari Sprechi sport trapianto morte sintomi Cause Pronto cardiovascolare mango varici librodella pressione Extravergine Neurologia Valvolare cardiaco Osteopatia cardiache intervento Aneurismi morire Sergio macchinari Viagra colesterolo corsia mangiare Vene cardiologico cardiaca berlusconi valvola tre salute muore Margarina rianimazione aortica Scompenso CoronaroTC strumental obesità Guidalberto prevenire curoe curare 100.000 Cardiovascolare Michael vita Carotideo diabete Daniele bianche Up Specialistica apparato l’Aterosclerosi polmonare cura esame farmaci come Burro Diagnosi Attacco Rosa Death DASH malore folli Aortica fisico imparare ECG dott.Guidi malato Jackson apnee cronica saluteedelgusto forme Cardiologo Ipertensione Rischio Cardarelli Morte diabesity Paziente ecocardiogramma venose a Cardiache ricoveri medica Charlie coronaroTC antidepressivi vibranti umane concerto tsa grassi donne aspirina HDL Dieta il up Ischemico sesso Comuni Infarto saturi vite carni Estetica estate Cardiaco sanità londra Napoli natale infarto moriredisport consumo tabacco clamys check generazione torino asa arteriosa giornata striscia remise cadavere prevvenzione salvare alimenti prevenzione larghi contro valori Giornata Breathing cattivo Astori Ecodoppler debole Screening Cardiologico Ecg mediterraneo cuore regole Ortopedia fisica Studio Cerebrali juventus ictus ischemia pubblica all’anno Ecocardiogramma quanto invecchiamento pedane arterie Body vizio infiammazione d’oro mondiale mediterranea Fisioterapia diabete.Cardiologia Europa screening miocardico centro Torino

COME SEGUIRCI


  • Iscrizione Newsletter
  • CardioBlog
  • Installa la App
  • Facebook
  • Twitter
  • Youtube
  • BlogSpot
  • SERVIZI


  • Check up Cardiologico
  • Esami Diagnostici
  • Patologie Cardiache
  • SHOP ON LINE


  • Cuore Mediterraneo|il Libro
  • Acquista il manuale
  • Prenotazioni Visite ed Esami
  • INFO


  • Dr.Guidalberto Guidi
  • Dove Siamo
  • Contattaci
  • LINK AMICI


  • Il Cardiologo Amico
  • Juventus F.C.
  • ABC Salute
  • Torna ai contenuti | Torna al menu